Il CMSB su Sky TG24

Il Cammino Minerario di Santa Barbara citato a Sky TG24 da Stefano Landi e definito come “perla della Sardegna”. Stefano Landi è presidente di SL&A Turismo e Territorio ed è stato intervistato come esperto di turismo.

Donne in cammino per l’8 marzo

IERI LUNEDÌ 8 MARZO, NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA, LA RETE NAZIONALE DONNE IN CAMMINO ha organizzato una diretta sulla piattaforma STREAMYARD alla quale hanno partecipato, dalle ore 12.00 alle ore 13, tre pellegrine che hanno percorso interamente i 500 km del CMSB (la francese FERNANDE DUFAUD di 62 anni, la sarda GIOVANNA LENZU di 38 anni e l’austriaca HANNAH POLLAK di 25 anni).

Grandissimo interesse ha suscitato il racconto della loro esperienza con la quale hanno confermato l’interesse delle donne a percorrere, anche in solitudine, uno dei pochi grandi cammini religiosi europei dedicato ad una donna Santa.

Qui di seguito il link per visionare interamente lo spazio dedicato al Cammino Minerario di Santa Barbara che ha ottenuto in giornata circa 1500 visualizzazioni.

FIRMATO IERI SERA IL PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTRUZIONE DEL CMSB NEL TERRITORIO DELLA NURRA

Si è giunti a questo importante risultato grazie al coordinamento della Provincia di Sassari che, nel ruolo di capofila del progetto, ha saputo creare consenso e coesione tra tutte le istituzioni civili e religiose a livello territoriale e regionale.

La proposta fa parte del progetto di livello regionale ideato per creare un “BRAND IDENTITARIO DEL TURISMO LENTO MINERARIO DELLA SARDEGNA” che, oltre al CMSB del Sud-Ovest già operativo con successo nel Sulcis Iglesiente Arburese Guspinese, comprende le restanti aree minerarie dismesse dell’Isola: nella Nurra, nel Sarrabus Gerrei e nell’Ogliastra Barbagia di Seulo Sarcidano.

Si tratta di un progetto strategico che consentirà di lanciare a livello nazionale e internazionale un prodotto turistico nuovo per la Sardegna da praticare in tutte le stagioni e finalizzato a:
■ FAVORIRE LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE;
■ CONTRASTARE LO SPOPOLAMENTO;
■ SOSTENERE LA TRANSIZIONE ECOLOGICA;
■ SVILUPPARE L’ECONOMIA GREEN DELLA SARDEGNA.

“Un progetto importante – ha affermato l’Amministratore della Provincia di Sassari Pietro Fois – un filo rosso che unisce all’interno del nostro territorio uno straordinario patrimonio storico, culturale, ambientale e religioso”.

Su Federica.eu corsi gratuiti sul Turismo Lento

Studiamo, prepariamoci, allarghiamo lo sguardo al mondo e SOSTENIAMO IL TURISMO LENTO:
■ per un prodotto turistico nuovo da praticare in tutte le stagioni;
■ per un futuro dei giovani nella loro terra;
■ per favorire la TRANSIZIONE ECOLOGICA della Sardegna.

In Sardegna con il Cammino Minerario di Santa Barbara questo futuro è già iniziato !
AIUTIAMOLO A CRESCERE !

SEMPRE PIÙ ESCURSIONISTI LUNGO IL CMSB ACCOMPAGNATI DA GIOVANI GUIDE LOCALI

Anche questa mattina numerosi pellegrini/escursionisti, accompagnati da GUIDE ESCURSIONISTICHE locali, sono partiti dal centro storico di Iglesias per raggiungere il Monastero del Buon Cammino dove le Monache Clarisse hanno timbrato le loro CREDENZIALI alla partenza della prima tappa del CMSB.

Così il CMSB sta diventando una grande opportunità anche per il lavoro di tante guide escursionistiche.

ANCHE IN QUESTA STAGIONE INVERNALE CONTINUA LA PERCORRENZA DEL CMSB

Ieri sera nell’Aula del Consiglio Comunale di Santadi, ai pellegrini SANDRO MEI di Carbonia e NICOLETTA CARBONI di San Giovanni Suergiu sono stati consegnati il TESTIMONIUM e la TORRE per aver completato la percorrenza dei 500 km del Camino Minerario di Santa Barbara.

I riconoscimenti ai pellegrini sono stati consegnati dal Sindaco MASSIMO IMPERA e dall’Assessore alla Cultura VERONICA IMPERA del Comune di Santadi, dalla Sindaca di San Giovanni Suergiu ELVIRA USAI e dal Sindaco di Giba e Presidente dell’Unione dei Comuni del Sulcis ANDREA PISANU.

Le stesse autorità hanno presenziato alla SCOPERTURA DEL CIPPO della tappa di Santadi del CMSB e alla SOTTOSCRIZIONE DELLA CONVENZIONE con la quale il Comune di Santadi ha concesso gratuitamente per 10 anni una parte della struttura ricettiva abbandonata di IS ZUDDAS alla Fondazione CMSB per essere adibita a POSADA per l’ospitalità dei pellegrini del CMSB dopo che la stessa Fondazione avrà eseguito i necessari interventi di rigenerazione e allestimento.