Un’ippovia nel Cammino Minerario di Santa Barbara

Articolo dell’ Unione Sarda del 29 Gennaio 2019.

E’ stato presentato a San Giovanni Suergiu il primo corso per assistente tecnico equestre promosso dalla Fitetrec-Ante nell’ambito del protocollo d’intesa sottoscritto con la Fondazione che ha ideato l’itinerario turistico religioso nel Sulcis Iglesiente che si potrà percorrere anche a cavallo.

Inaugurata ieri sera la mostra di acquerelli sul Cammino Minerario di Santa Barbara della pellegrina francese Fernande Dufaud.

Ieri sera nella magnifica cornice della chiesa di San Francesco ad Iglesias la Fondazione CMSB ha inaugurato la straordinaria collezione di acquerelli sul Cammino Minerario di Santa Barbara realizzata dalla pellegrina fran-cese Fernande Dufaud dopo aver concluso il 29 luglio 2018 la percorrenza a piedi dei primi 200 km del CMSB.

Le belle opere d’arte della dimensione di 55×35 cm sono state presentate dalla stessa autrice la quale ha riferito di aver trovato ispirazione per la realizzazione dei dipinti nella bellezza del grande patrimonio storico-culturale, paesaggistico-ambientale e religioso-spirituale che ha incontrato lungo il Cammino Minerario di Santa Barbara.

Per questa ragione, ha proseguito la Dufaud, “ritornerà nei prossimi mesi a completare la percorrenza dei restanti 400 km del Cammino Minerario di Santa Barbara nel settore meridionale del Sulcis-Iglesiente che sarà anch’esso di grande fascino e bellezza come racconta Giampiero Pinna nella sua Guida”.

L’arte dei pellegrini/escursionisti in omaggio al Sulcis Iglesiente Guspinese per arricchire di cultura, di bellezza e di speranza il contributo per lo sviluppo sostenibile del territorio che sta generato il Cammino Minerario di Santa Barbara. Grazie alla disponibilità dei volontari che curano e custodiscono la chiesa di San Francesco, la mostra potrà essere visitata fino al 3 febbraio 2019.

UN TERRITORIO IN CAMMINO VERSO LO SVILUPPO SOSTENIBILE

I sindaci del sulcis alla partenza dell'escursione del cammino minerario di santa barbara

Partiti ieri da Carbonia e felicemente arrivati a Cortoghiana per festeggiare l’80° ANNIVERSARIO DI CARBONIA lungo il Cammino Minerario di Santa Barbara, RIGENERATO e dotato di una nuova segnaletica dai lavoratori del Progetto Parco Geominerario recentemente assunti dalla Fondazione CMSB grazie ai bandi e agli stanziamenti disposti dal Consiglio e dalla Giunta Regionale.

Un vivo ringraziamento a tutti i partecipanti e in particolare ai PRIVATI che con grande disponibilità e lungimiranza si sono accordati con la Fondazione CMSB per concedere la servitù di passaggio ai pellegrini/escursionisti.

Un RICONOSCIMENTO SPECIALE voglio rivolgerlo alle/ai tante/i BIKERS, AMAZZONI e CAVALIERI che hanno voluto partecipare.

Con la CICLOVIA e l’IPPOVIA pensavamo di costruire due progetti per il futuro; grazie alla vostra straordinaria partecipazione abbiamo capito che QUESTO FUTURO E’ GIÀ INIZIATO !

Segnaletica definitiva lungo il CMSB

segnaletica cammino minerario di santa barbara

A seguito delle linee guida sulla segnaletica recentemente approvate dalla Giunta Regionale, la Fondazione CMSB ha dato avvio alla messa in opera della SEGNALETICA DEFINITIVA del Cammino Minerario di Santa Barbara.

A seguito delle linee guida sulla segnaletica recentemente approvate dalla Giunta Regionale, la Fondazione CMSB ha dato avvio alla messa in opera della SEGNALETICA DEFINITIVA del Cammino Minerario di Santa Barbara.

A partire dai primi 18 km del percoso dell’escursione da Carbonia a Cortoghiana che si terrà la prossima domenica 16 dicembre per celebrare l’80° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DI CARBONIA, la segnaletica verrà messa in opera nei prossimi mesi nell’intero itinerario di 400 km del CMSB.

La segnaletica definitiva che sostituirà progressivamente quella provvisoria già presente nell’intero itinerario, consentirà ai pellegrini/escursionisti di percorrere ancora meglio il Cammino Minerario di Santa Barbara.

Fondi per il Cammino di Santa Barbara

articolo unione sarda fiannziamenti cammino minerario di santa barbara

Con lo STAZIAMENTO di 1.500.000 euro nella LEGGE DI STABILITA’ 2019 il Consiglio e la Giunta Regionale spianano la strada per il futuro del Cammino Minerario di Santa Barbara.

Festeggeremo questo importante risultato CAMMINANDO INSIEME DOMENICA PROSSIMA 16 DICEMBRE da Carbonia a Cortoghiana, a piedi, in bicicletta e a cavallo, per presentare il grande lavoro realizzato in breve tempo dai nostri dipendenti del progetto Parco Geominerario che ha reso meglio percorribile questo tratto del CMSB e per celebrare l’80° anniversario della fondazione della città di Carbonia.

METTIAMOCI TUTTI IN CAMMINO CON GIOIA lungo i sentieri inesplorati dello sviluppo sostenibile del territorio, lì troveremo un TESORO carico di STORIA, di BELLEZZA, di PACE, di SPERANZA e di FUTURO.

Avviato il progetto Alternanza Scuola Lavoro

escursione studenti cammino minerario di santa barbara

Con la timbratura delle credenziali da parte delle Monache clarisse del Buon Cammino è iniziato il progetto di ALTERNANZA SCUOLA LAVORO avviato ieri mattina da 100 studenti degli Istituti I.I.S. IT Minerario “Asproni” – ITCG Fermi e Istituto Magistrale Statale “Carlo Baudi Di Vesme” con l’obiettivo di creare una proposta di TURISMO SCOLASTICO lungo il Cammino Minerario di Santa Barbara.

IN COSTRUZIONE L’IPPOVIA DEL CAMMINO MINERARIO DI SANTA BARBARA

sopralluogo cammino minerario di santa barbara

Sopralluogo ieri sera con il Sindaco di Guspini al tracciato della vecchia ferrovia mineraria a scartamento ridotto (1878-1958) costruita per il trasporto dei minerali dalla miniera di Montevecchio all’impianto metallurgico di San Gavino, per verificare il possibile riutilizzo del tracciato nell’ambito dell’ippovia del Cammino Minerario di Santa Barbara.
Il ferro di cavallo trovato lungo la sede della ferrovia conferma che il tracciato è già percorso da cavalli e cavalieri e che con modesti interventi può essere inserito nella costituenda ippovia del Cammino Minerario di Santa Barbara.

RINASCE LA LOCANDA DEL PARCO IN LOCALITÁ MAGUSU-MONTI MANNU NEL COMUNE DI VILLACIDRO.

locanda del parco monti mannu villacidro cammino minerario di santa barbara

Firmata ieri mattina la convenzione tra il Comune di Villacidro e la Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara per la rigenerazione della bellissima struttura ricettiva abbandonata immersa nello straordinario complesso forestale di Monti Mannu.
Il recupero della struttura consentirà alla Fondazione CMSB di disporre di una sede operativa permanente per ospitare gli uomini e i mezzi dislocati nel Villacidrese e di ripristinare una struttura ricettiva capace di ospitare i pellegrini/escursionisti del Cammino Minerario di Santa Barbara.
Sabato 17 novembre p.v. nel corso dell’Assemlea della Fondazione CMSB, verranno presentati pubblicamente i risultati dei primi interventi di recupero e illustrate le prospettive future del sito che costituisce una delle tappe più importanti del Cammino Minerario di Santa Barbara.

Lucchetti e recinzioni bloccano i pellegrini del Cammino Minerario di Santa Barbara

pellegrini del cammino minerario di santa barbara

A raccontare l’accaduto è Giampiero Pinna, ideatore del Cammino e presidente dell’omonima Fondazione, che ha già sollevato il problema più volte, anche perché – rimarca Pinna – si tratta di aree messe in sicurezza

“I lucchetti ostacolano il Cammino minerario di Santa Barbara. Quelli, nello specifico, posti nelle aree della società mineraria Igea (controllata dall’assessorato regionale dell’Industria) e che, attraverso i 400 chilometri del percorso lungo i sentieri minerari immersi nel verde e affacciati sul mare mozzafiato del Sulcis-Iglesiente-Guspinese, bloccano all’improvviso la strada ai pellegrini che si tuffano in quell’itinerario unico e ricco di storia qual è il Cammino di Santa Barbara, patrona dei minatori alla quale è dedicato l’intero “viaggio”.

È successo anche oggi: i protagonisti sono stati, loro malgrado, tredici pellegrini inglesi che a Monteponi, hanno dovuto fare acrobazie per aggirare gli ostacoli.

“Qualcuno glielo ricordi ancora, al presidente Pigliaru, che alcuni dei suoi consiglieri e collaboratori come l’assessore dell’Industria stanno mettendo a rischio l’unico progetto di sviluppo sostenibile che sia stato realizzato negli ultimi anni nel territorio. Un progetto condiviso con i Comuni interessati e che è diventato in breve tempo il principale motivo di interesse per tanti pellegrini italiani e stranieri”.

Cinzia Simbula “