fbpx

Planu Sartu

Tappa 3

La miniera di Planu Sartu (o Pranu Sartu) è ubicata sull’altopiano calcareo ad ovest di Buggerru in prossimità del villaggio minerario. Tale miniera fu scoperta nel 1869 dalla Società Miniere di Malfidano e raggiunse l’apice di produzione agli inizi del ‘900, ospitando all’interno del villaggio minerario 2750 operai. Questo permise al villaggio di Planu Sartu di ottenere un certo grado di autonomia rispetto al vicino paese di Buggerru. La coltivazione della calamina avvenne sia a cielo aperto che in sotterraneo, utilizzando tra l’altro la Galleria Henry che serviva da collegamento tra i cantieri sotterranei e la laveria di Buggerru. Negli anni ’40 la miniera venne acquistata dalla Pertusola, ma nel 1956 i cantieri vennero definitivamente chiusi.

Le masse calaminari si presentavano pressoché prive di piombo, allungate secondo la direzione di stratificazione del calcare (Nord-NordOvest). Alla fine dell’800 queste mineralizzazioni non particolarmente compatte venivano coltivate a cielo aperto; il costo di coltivazione ammontava a 3-4 lire per metro cubo estratto.

Le informazioni complete possono essere reperite nella Guida Ufficiale