18. Rosas → Nuxis

Lunghezza: 12,5 km
Dislivello: Salita 297 m – Discesa 348 m
Difficoltà: Facile
Durata: 4 ore

Descrizione sintetica

Oggi iniziamo la discesa verso le pianure del Basso Sulcis dove sono ancora presenti numerose testimonianze dell’attività estrattiva.

Attraversiamo la miniera di piombo, zinco e rame di Sa Marchesa e osserviamo numerose cave dismesse di calcare.

Incontriamo il tracciato della ferrovia che collegava la valle del Cixerri con la valle del Basso Sulcis fino a raggiungere l’isola di Sant’Antioco.

Transitiamo sotto uno dei ponti di questa ferrovia e camminiamo su comode strade sterrate, mulattiere e, nella parte finale del percorso, strade asfaltate.

Sicurezza e consigli utili

Il percorso procede su strade comode e agevoli.

Arrivati nei pressi di Acquacadda, da cui si sale alla volta del sito di Sa Marchesa, fare attenzione agli attraversamenti stradali nella zona urbanizzata e  in particolare sulla provinciale SP 78, che si attraversa sia in andata che in ritorno dal Museo di Sa Marchesa.

Arrivati a Crabì si percorrono i margini della SP 293 per circa 350 m anche in questo caso fare attenzione sia a questo passaggio che al passaggio sulle strade asfaltate del piccolo borgo, in cui è presente traffico veicolare.

Anche arrivati a Nuxis si attraversano strade trafficate quindi è necessario fare attenzione agli attraversamenti e ai passaggi su strada.

AVVISIAMO CHE LA SEDE DELLA FONDAZIONE SARÀ CHIUSA I GIORNI

11-13-14-15 AGOSTO