Lucchetti e recinzioni bloccano i pellegrini del Cammino Minerario di Santa Barbara

foto_744105_550x340

A raccontare l’accaduto è Giampiero Pinna, ideatore del Cammino e presidente dell’omonima Fondazione, che ha già sollevato il problema più volte, anche perché – rimarca Pinna – si tratta di aree messe in sicurezza

“I lucchetti ostacolano il Cammino minerario di Santa Barbara. Quelli, nello specifico, posti nelle aree della società mineraria Igea (controllata dall’assessorato regionale dell’Industria) e che, attraverso i 400 chilometri del percorso lungo i sentieri minerari immersi nel verde e affacciati sul mare mozzafiato del Sulcis-Iglesiente-Guspinese, bloccano all’improvviso la strada ai pellegrini che si tuffano in quell’itinerario unico e ricco di storia qual è il Cammino di Santa Barbara, patrona dei minatori alla quale è dedicato l’intero “viaggio”.

È successo anche oggi: i protagonisti sono stati, loro malgrado, tredici pellegrini inglesi che a Monteponi, hanno dovuto fare acrobazie per aggirare gli ostacoli.

“Qualcuno glielo ricordi ancora, al presidente Pigliaru, che alcuni dei suoi consiglieri e collaboratori come l’assessore dell’Industria stanno mettendo a rischio l’unico progetto di sviluppo sostenibile che sia stato realizzato negli ultimi anni nel territorio. Un progetto condiviso con i Comuni interessati e che è diventato in breve tempo il principale motivo di interesse per tanti pellegrini italiani e stranieri”.

Cinzia Simbula “

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Nuovo cippo a Nuraxi Figus

Continua la posa dei cippi nelle tappe del Cammino Minerario di Santa Barbara. Da Nuraxi Figus a Bacu Abis, attraverso le testimonianze della fatica dell’

Read More »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *